I Maestri della tradizione del Kriya Yoga 

 

 

Mahavatar Babaji

Il nome attraverso il quale si conosce questo maestro dello Yoga è un titolo di rispetto assegnatogli dai suoi discepoli      (Maha= grande- Avatar=incarnazione divina- Babaji=padre rispettato).

Si sa poco o nulla della sua storia personale.

Si afferma che Babaji viva nell’ Himalaya e che lavori con discepoli spiritualmente molto avanzati, aiutando anche le   forze del cambiamento evolutivo che si stanno manifestando a causa della transizione dall’ ultima età oscura al pieno emergere dell’attuale era di sviluppo.

(tratto da: Libertà e consapevolezza- La conoscenza dell’assoluto. Roy Eugene Davis. Trad. Furio Sclano)

 

 

Lahiri Mahashaya

1828-1895

Guru di Sri Yukteshwar

Iniziato da Babaji nel 1861, fu autorizzato ad insegnare a persone di ogni livello.

Il suo nome era Shyamacharan Lahiri.

Mahasaya (chi ha la coscienza grande o espansa) è un titolo utilizzato dai suoi discepoli.

Era sposato, ebbe figli e lavorò per supportare la sua famiglia. Meditava durante la notte e insegnava ai cercatori della verità sinceri in modo privato.

Fu un modello ideale per i devoti di Dio nel mondo, dimostrando che è possibile far coesistere doveri personali e pratica spirituale, con lo scopo di avere una vita ordinata e di successo.

Evitando di pubblicizzarsi, Lahiri Mahasaya consigliava ai devoti di essere attenti alla loro pratica privata della meditazione e di vivere vite esemplari.

(tratto da: Libertà e consapevolezza- La conoscenza dell’assoluto. Roy Eugene Davis. Trad. Furio Sclano)

  

 

 

Sri Yukteswar

1855-1936

Guru di Paramahansa Yogananda

Il suo nome era Priya Nath Karar.

Si sposò e fu padre di una figlia.

Fu, in seguito, ordinato nell’ ordine degli swami rinuncianti (Giri=montagna) e addestrò discepoli nei suoi ashram a Puri e vicino Calcutta. Maestro dello Yoga, Sri Yukteswar fu un astrologo vedico capace e aveva conoscenze nel campo dell’ Ayurveda.

Nel 1894, su richiesta di Babaji, scrisse un piccolo libro dal titolo “La scienza Sacra” e lo pubblicò.

Scrisse anche un commento sui primi nove capitoli della Bhagavad Gita, dopo aver condotto gruppi di discussione sulla stessa e aver chiesto consiglio a Lahiri Mahasaya.

Yukteswar significa “unito con Ishwara”, l’aspetto di Dio che manifesta, regola e governa.

Sri Yukteswar addestrò Paramahansa Yogananda per portare il messaggio del Kriya Yoga in occidente e gli consigliò come presentare gli insegnamenti.

(tratto da: Libertà e consapevolezza- La conoscenza dell’assoluto. Roy Eugene Davis. Trad. Furio Sclano)

 

 

Paramahansa Yogananda

(Gorakhpur, 5 gennaio 1893 – Los Angeles, 7 marzo 1952)

Guru di Roy Eugene Davis

Il suo nome era Mukunda Lal Gosh.

Uno di otto figli.

I suoi genitori erano discepoli di Lahiri Mahasaya.

Dopo essersi diplomato al college fu ordinato nell’ordine degli swami da Sri Yukteswar e, più tardi, riconosciuto dal suo Guru come un “Paramahansa” (chi possiede visione universale e trascendente).

Paramahansaji viaggiò per conferenze e insegnamenti nelle principali città americane negli anni venti e trenta del secolo scorso, fondando la Self-Realization Fellowship.

E’ conosciuto a milioni di persone per il suo libro “Autobiogafia di uno Yogi” e per altri scritti.

(tratto da: Libertà e consapevolezza- La conoscenza dell’assoluto. Roy Eugene Davis. Trad. Furio Sclano)

 

 

Roy Eugene Davis 

Nacque nel 1931 a Leavittsburg, in Ohio, situata all’incirca a 40 miglia a sud di Cleveland.

Crebbe in una comunità rurale.

Nei primi anni della giovinezza frequentò la biblioteca pubblica, lesse libri su psicologia, filosofia e yoga.

All’età di 18 anni lesse il libro di Paramahansa Yogananda intitolato “Autobiografia di uno Yogi” e sentì immediatamente una connessione spirituale con il grande maestro e la tradizione del kriya yoga.

Nel dicembre del 1949 si diresse a Los Angeles, California per incontrare il suo guru e fu da lui accettato per l’addestramento monastico.

Il sig. Davis fu ordinato dal suo guru nel 1951 e fu nominato ministro del centro SRF di Phoenix, Arizona, poco dopo la sua scomparsa. Verso la fine del 1953, consapevole del bisogno di imparare a vivere con efficienza nel mondo secolare, si ritirò dall’organizzazione, ma non dalla connessione con la tradizione del kriya yoga o dal suo impegno di servire.

Dopo aver trascorso due anni nel corpo medico dell’esercito a Fort Riley, Kansas, iniziò la sua missione di insegnante indipendente, viaggiando per tutta l’America in dozzine di città con lo scopo di tenere conferenze e diffondere gli insegnamenti del kriya yoga.

Nel 1964 tenne conferenze davanti a molte persone in 8 città giapponesi, con l’aiuto del movimento spirituale “Seicho-No-Ie”, fondato in quel paese da Masaharu Taniguchi.

Nel 1978 questa organizzazione gli sponsorizzò un altro ciclo di conferenze in Giappone e, più tardi, fece lo stesso anche in Brasile. Il sig. Davis è sovente ospite nelle chiese del “New Thought” in Canada e negli Stati Uniti.

Interviene spesso anche nelle grandi manifestazioni di yoga e nelle conferenze olistiche.

Ha tenuto seminari e conferenze anche in Ghana, Nigeria, Inghilterra, Germania, Italia, Svizzera, Austria, Francia, Spagna e India.

La maggior parte delle sue lezioni è tenuta a Lakemont, durante i ritiri, nonostante continui comunque a visitare annualmente una dozzina o più di città americane e/o stati esteri.

Alcuni dei suoi libri sono pubblicati in 8 lingue, con più di 40 differenti edizioni in stampa negli Stati Uniti e in altri paesi.

E’ anche editore del magazine Truth Journal e scrive lezioni mensili per i membri del CSA in tutto il mondo.

Il sig. Davis si trasferì a Lakemont, nel nord della Georgia, nel 1972 per utilizzare il Center for Spiritual Awareness come base permanente del suo ministero. L’opera ha continuato da allora a crescere e fiorire.

Un numero sempre maggiore di cercatori della verità è attratto da essa e gli iscritti ricevono benefici dalla partecipazione.

(Tratto dal sito www.centrokriyayogabrahmanandra.it)

 

 

 

 

 

 

 

I cookie ci aiutano a fornire i servizi nel nostro sito. Utilizzando il sito l'utente accetta l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida.